giugno, 2019

Opzioni di Ordinamento

7giu - 9Tutto il GiornoArte,Empatia e BurnoutArte,Empatia e Burnout

Dettagli Evento

Programma corso_Arte empatia burnout_Pagina_1
Programma corso_Arte empatia burnout_Pagina_2

Tempo

7 (Venerdi) - 9 (Domenica)

Luogo

Casa Diocesana di Lucca

Via della Chiesa xxiii,427,55100


Eventi Realizzati

novembre 2018

12ott - 11novTutto il GiornoQuale posto dell'arte nella medical education?

Dettagli Evento

giornata di studi Quale posto per l’arte nella medical education?

Roma Museo delle Civiltà – Piazzale G. Marconi, 14

http://farmaciamedicina.uniroma1.it/sites/default/files/allegati_notizie/pieghevole_1.pdf

iscrizione obbligatoria entro 1 novembre 2018

Tempo

Ottobre 12 (Venerdi) - Novembre 11 (Domenica)

Luogo

Museo delle Civiltà

Piazza Guglielmo Marconi 14, 00144 - Roma

10ott - 22novott 100:00nov 22Ricamare la paceRicamare la pace

Altro

Dettagli Evento

druse 

A Palazzo Belmonte Riso di Palermo è in mostra un progetto partecipato dell’artista Daniela Papadia: una riflessione sui principi di uguaglianza e di fraternità fra i popoli, indipendentemente da religione e nazionalità.

 

di Mariasole Garacci

“Un ago entra ed esce da qualcosa lasciandosi dietro un filo, segno del suo cammino che unisce luoghi e intenzioni. Più che saldare e incollare, che implica estraneità, il filo unisce come si unisce guardando o parlando”. Così Maria Lai descriveva la specificità del ricamo, espressione di un linguaggio asemantico e antico, divergente dall’autorità di un sapere maschile prevalente e autoritario, e capace di trasmettere e condividere memorie, voti e auspìci.

 

Intorno a un ricamo, dotate di ago e filo, si sono riunite donne palestinesi, israeliane, beduine e druse organizzate in sei gruppi, che insieme hanno decorato altrettanti arazzi usati per comporre un unico lavoro di 2,40 metri x 5,20 metri di lunghezza raffigurante i Paesi del Mediterraneo. E’ Il Filo dell’Alleanza, un progetto artistico realizzato dalla palermitana Daniela Papadia e promosso dal WISH – Sicilian International Heritage nell’ambito delle attività di BIAS 2018, Biennale di Arte Sacra con il sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Il tema è il dialogo e la collaborazione tra i popoli: un messaggio di pace e un proposito di fratellanza al di là dell’appartenenza nazionale o religiosa espresso da queste donne che si sono incontrate e hanno trascorso del tempo insieme seminando rapporti umani e reciprocità.

the dreams of the children of the world by T.Dollorenzo Solari

the dreams of the children of the world by T.Dollorenzo Solari

Il ricamo rappresenta, appunto, la riparazione degli strappi, dei conflitti, la speranza e la possibilità di unire parlando, in una rete di scambio, relazione, dialogo. Sovrapposta all’immagine del Mediterraneo, scorre a sua volta un trama che disegna la mappa dei dodici geni che regolano le funzioni del sangue umano, simbolo allo stesso tempo della comune appartenenza alla famiglia umana e della preziosa individualità di ogni singolo soggetto. “Il processo creativo dell’arte – dichiara l’artista Daniela Papadia – insieme alla scienza può, infatti, favorire il cambiamento, la crescita personale, e il rispetto delle differenze culturali e religiose. Il Filo dell’Alleanza rappresenta un mezzo, una via per intrecciare relazioni che rigettano la discriminazione, l’esclusione e la violenza. Facendo interagire insieme gli individui si portano contenuti simbolici carichi di significati adeguati alla giusta percezione di sé e dell’altro.”

 

L’intero progetto è stato raccontato dal regista Francesco Miccichè in un documentario prodotto dall’Istituto Luce e da Reporter, e sarà in mostra a Palazzo Belmonte Riso di Palermo fino al 22 ottobre.

 

Daniela Papadia

Il Filo dell’Alleanza
Palazzo Belmonte Riso
Corso Vittorio Emanuele n. 365 – Palermo
Telefono: 091587717
www.poloartecontemporanea.it

 

(18 ottobre 2018)

 

Organizzatore

Il Filo dell’Alleanza Palazzo Belmonte RisoCorso Vittorio Emanuele n. 365 - Palermo

ottobre 2018

23ott - 28ott 230:00ott 28Cinema e letteratura secondo Antonio Monda.

Altro

Dettagli Evento

 Aspettando la Festa del Cinema di Roma

Philip Roth e Renzo Piano, il sogno di portare Cormac McCarthy a Capri, il caso Netflix. Aspettando l’inizio della Festa del Cinema di Roma, dal 18 al 28 ottobre nella Capitale, abbiamo intervistato il direttore artistico Antonio Monda. Su questi e altri temi.

8750205489_7d4e4b8f93_z

Monda lei si contraddistingue per passare senza soluzione di continuità tra letteratura e cinema – celebri “Le Conversazioni”, gli incontri che lei organizza a Capri, Roma, New York e Bogotà – A suo parere chi potrebbe parlare di letteratura alla “sua” Festa del Cinema?
Purtroppo penso che non riuscirò mai a portare Cormac McCarthy(autore di Non è un paese per vecchi)

C’è qualche autore del passato che le sarebbe piaciuto coinvolgere?
Sicuramente Philip Roth ed Ernest Hemingway, mentre alle conversazioni avrei tanto desiderato avere Jorge Luis Borges.

manda_dellicolli-696x464

Quale scrittore avrebbe potuto o può dirigere un film?
Sicuramente Paul Auster, che già lo fa, (Lulu on the Bridge e La vita interiore di Martin Frost) ma penso anche a Jeffrey Eugenides (vincitore del premio Pulitzer per la narrativa nel 2003).

Ricordando Philip Roth lei ha raccontato un incontro, svoltosi nella sua casa di New York, tra l’architetto Renzo Piano e lo scrittore. I suoi due ospiti hanno discusso molto sul poter considerare l’architettura una forma d’arte, hanno anche discusso di cinema?
Si, ne hanno discusso e ne discutevano tanto e spesso, ma avevano gusti differenti, Roth più amante del cinema americano tipo ‘Fronte del Porto’, Piano più legato ai nostri Fellini ed Antonioni.

Durante la conferenza stampa di presentazione della Festa del Cinema ha accennato al ‘caso’ Netflix. Ma sul versante cinematografico è molto attiva anche Amazon e sta prepotentemente entrando in questo mercato anche Apple. Che opinione ha di questo fenomeno?
Bisogna confrontarsi con queste opportunità pur sapendo di perdere qualcosa, il cinema è un’esperienza dallo spirito comunitario, il film è proiettato su uno schermo bianco, in un cinema! Guardandolo in un PCo in un Tableto in TV si perde proprio l’essenza originale del cinema.

Nel frattempo Amazon ha censurato l’ultimo film di Allen…
Sono assolutamente contrario a questa decisione e spero che il film di Allen possa esser visto quanto prima…

Alla Festa del Cinema di Roma si celebra il cinema, il cinema riesce a celebrare sé stesso? È un momento di decadenza o, appunto, di esaltazione?
L’uno e l’altro, è un momento difficile per il cinema e per questo si auto-celebra.

Quanto è importante avere un giusto mix di film ‘impegnati’ e ‘leggeri’?
È fondamentale aver un adeguato bilanciamento, senza i grandi blockbuster da botteghino non ci sarebbero i fondi per produrre film ‘impegnati’, ma bisogna stare attenti perché mentre il blockbuster è costruito ad hoc per il target di riferimento che difficilmente delude al botteghino, i film cosiddetti ‘impegnati’ o – per dir meglio – di qualità, vengon fuori spesso grazie ad una storia particolare ed a chi la riesce ad interpretare. La qualità spesso si ottiene non cercandola.

In Italia abbiamo avuto i cosiddetti b-movie ma anche registi ed attori di caratura internazionale, solo in italia la cinematografia ha toccato i punti opposti e praticamente tutto lo spettro del racconto cinematografico oppure anche altre nazioni?
Assolutamente no, non ne abbiamo il primato o l’esclusiva, pensiamo ovviamente agli USA ma anche a paesi come Francia e Gran Bretagna.

the dreams of the children of the world by T.Dollorenzo Solari

the dreams of the children of the world by T.Dollorenzo Solari

Chiudiamo con un occhio alla tecnologia. Steven Soderbergh ha girato Unsane interamente con iPhone ma poi ha dichiarato di esser perplesso sull’idea di girarne altri, perché non saprebbe come giustificare i budget del cinema. Le grandi produzioni cinematografiche sono ‘drogate’ dal punto di vista economico?
Penso assolutamente di no, certo in ogni sperimentazione ci sono almeno due facce della medaglia e Soderbergh le ha evidenziate, certamente ci sono spese esagerate ma prevalentemente esterne all’ambito delle riprese, del montaggio, e così via.

-Mario Bucolo

 

 

Tempo

23 (Martedi) 0:00 - 28 (Domenica) 0:00

12ott - 11novTutto il GiornoQuale posto dell'arte nella medical education?

Dettagli Evento

giornata di studi Quale posto per l’arte nella medical education?

Roma Museo delle Civiltà – Piazzale G. Marconi, 14

http://farmaciamedicina.uniroma1.it/sites/default/files/allegati_notizie/pieghevole_1.pdf

iscrizione obbligatoria entro 1 novembre 2018

Tempo

Ottobre 12 (Venerdi) - Novembre 11 (Domenica)

Luogo

Museo delle Civiltà

Piazza Guglielmo Marconi 14, 00144 - Roma

10ott - 22novott 100:00nov 22Ricamare la paceRicamare la pace

Altro

Dettagli Evento

druse 

A Palazzo Belmonte Riso di Palermo è in mostra un progetto partecipato dell’artista Daniela Papadia: una riflessione sui principi di uguaglianza e di fraternità fra i popoli, indipendentemente da religione e nazionalità.

 

di Mariasole Garacci

“Un ago entra ed esce da qualcosa lasciandosi dietro un filo, segno del suo cammino che unisce luoghi e intenzioni. Più che saldare e incollare, che implica estraneità, il filo unisce come si unisce guardando o parlando”. Così Maria Lai descriveva la specificità del ricamo, espressione di un linguaggio asemantico e antico, divergente dall’autorità di un sapere maschile prevalente e autoritario, e capace di trasmettere e condividere memorie, voti e auspìci.

 

Intorno a un ricamo, dotate di ago e filo, si sono riunite donne palestinesi, israeliane, beduine e druse organizzate in sei gruppi, che insieme hanno decorato altrettanti arazzi usati per comporre un unico lavoro di 2,40 metri x 5,20 metri di lunghezza raffigurante i Paesi del Mediterraneo. E’ Il Filo dell’Alleanza, un progetto artistico realizzato dalla palermitana Daniela Papadia e promosso dal WISH – Sicilian International Heritage nell’ambito delle attività di BIAS 2018, Biennale di Arte Sacra con il sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Il tema è il dialogo e la collaborazione tra i popoli: un messaggio di pace e un proposito di fratellanza al di là dell’appartenenza nazionale o religiosa espresso da queste donne che si sono incontrate e hanno trascorso del tempo insieme seminando rapporti umani e reciprocità.

the dreams of the children of the world by T.Dollorenzo Solari

the dreams of the children of the world by T.Dollorenzo Solari

Il ricamo rappresenta, appunto, la riparazione degli strappi, dei conflitti, la speranza e la possibilità di unire parlando, in una rete di scambio, relazione, dialogo. Sovrapposta all’immagine del Mediterraneo, scorre a sua volta un trama che disegna la mappa dei dodici geni che regolano le funzioni del sangue umano, simbolo allo stesso tempo della comune appartenenza alla famiglia umana e della preziosa individualità di ogni singolo soggetto. “Il processo creativo dell’arte – dichiara l’artista Daniela Papadia – insieme alla scienza può, infatti, favorire il cambiamento, la crescita personale, e il rispetto delle differenze culturali e religiose. Il Filo dell’Alleanza rappresenta un mezzo, una via per intrecciare relazioni che rigettano la discriminazione, l’esclusione e la violenza. Facendo interagire insieme gli individui si portano contenuti simbolici carichi di significati adeguati alla giusta percezione di sé e dell’altro.”

 

L’intero progetto è stato raccontato dal regista Francesco Miccichè in un documentario prodotto dall’Istituto Luce e da Reporter, e sarà in mostra a Palazzo Belmonte Riso di Palermo fino al 22 ottobre.

 

Daniela Papadia

Il Filo dell’Alleanza
Palazzo Belmonte Riso
Corso Vittorio Emanuele n. 365 – Palermo
Telefono: 091587717
www.poloartecontemporanea.it

 

(18 ottobre 2018)

 

Organizzatore

Il Filo dell’Alleanza Palazzo Belmonte RisoCorso Vittorio Emanuele n. 365 - Palermo

giugno 2017

26giu0:00- 0:00"Arte e Medicina" e Ass. "Aion"

Dettagli Evento

Il progetto Arte e Medicina mira a creare una maggiore sensibilità verso il tema della
comunicazione medico-paziente, al quale va restituito un ruolo centrale nella pratica medica


maggio 2017

19mag0:00- 0:00Nuovo paradigma per la medicina del futuro

Altro

Dettagli Evento

Prof. Carlo Ventura
Ordinario di Biologia Molecolare presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna
Ha scoperto che le energie fisiche (campi magnetici pulsati a frequenza estremamente bassa),
radiofrequenze (radioelectric conveyed fields) e le energie vibrazionali (nanomeccaniche) sono capaci di
orchestrare l’orientamento e il differenziamento terminale delle cellule staminali, aumentando la
pluripotenzialità cellulare, senza l’intervento di agenti chimici o  il trasferimento genico mediante vettori
virali.
Nel 2010, nel contesto dell’INBB, ha fondato VID art|science (http://vidartscience.org), movimento
internazionale che sviluppa un percorso transdisciplinare di Artisti e Scienziati nella convinzione che ogni
manifestazione artistica possa parlare alle dinamiche più profonde della nostra biologia

Carlo Ventura e Leo Melossi
Carlo Ventura e Leo Melossi
Carlo Ventura ed Ennio Brunetta
Carlo Ventura ed Ennio Brunetta

ottobre 2016

21ott21:00- 23:00#NoiConVoi

Dettagli Evento

Leonardo Melossi e Ennio Brunetta “I Comanauti”

incontro NAZIONALE di medici organizzato dalla FNOMCeO


Tempo

(Venerdi) 21:00 - 23:00

Luogo

Salone Margherita

Roma

giugno 2016

25giu15:00- 18:00Il ritmo della vita, happening di musica e medicina

Altro

Dettagli Evento

Cumiana (TO) 25 giugno 2016, ore 15-18

Auditorium della chiesa di Santa Maria della Motta

Evento itinerante prodotta dalla rivista Jazzit con il patrocinio onorario UNESCO e la Good Practice europea.

Medici, musicisti, terapisti, studiosi e “pazienti” si sono confrontati sul tema della musicoterapia. Interventi, relazioni e dimostrazioni pratiche per comprendere quanto potente sia l’influenza della musica sull’anima e sul corpo dell’essere umano, sia esso sano o malato.

Interventi di:

  • Leonardo De Lorenzo, musicista e fondatore dell’Associazione l’Isola dei Girasoli
  • Ennio Brunetta, medico e musicista, dondatore dell’Associazione Rete Arte e Medicina
  • Rossana Beccarelli, direttore dell’Ospedale San Giovanni Vecchio di Torino
  • Silvia Pellegrino, jazz singer e formatrice olistica, direttrice di SonOlis
  • Angelo Riva, fondatore di Crysalis-Arte per la salute e presidente di Crans-Gente in viaggio
  • Nicola Caputo, Onlus Amici Parkinsoniani Biellesi

cumiana1 001
Cumiana

Tempo

(Sabato) 15:00 - 18:00

Luogo

Auditorium della chiesa di Santa Maria della Motta

Cumiana (TO)

settembre 2015

11set - 13set 110:00set 13Festival "Dalle tradizioni dei popoli alle terapie del futuro: dialogo fra Italia e Finlandia per un nuovo SciAUmanesimo"

Dettagli Evento

Arte e medicina è partner del Festival “Dalle tradizioni dei popoli alle terapie del futuro”, ideato da Rossana Becarelli, presidente dell’Associazione “Rete euromediterranea per l’umanizzazione della medicina” (Torino).

luglio 2015

1mag - 31lug20:00lug 31- 20:00Festival della Complessità 2015fa tappa a Lecce

Dettagli Evento

Conto alla rovescia per il via alla sesta edizione: tra Maggio e Luglio 2015 si svolgeranno centinaia di eventi promossi anche quest’anno dal Festival della complessità diffuso in una ventina di città italiane, dal Piemonte alla Sicilia, dal Friuli alla Puglia. Lecce ospita il festival con tantissime iniziative.

http://www.dedalo97festivaldellacomplessita.it/

Tempo

Maggio 1 (Venerdi) 20:00 - Luglio 31 (Venerdi) 20:00

Luogo

Museo all'Aria Aprrta di Cavallino (Lecce)

Cavallino (Le)

giugno 2015

6giu0:00- 0:00Festival della complessità

Altro

Dettagli Evento

Arte e medicina partecipa al Festival della complessità, uno sguardo attraverso arte e scienza verso la società del futuro.


Festival Complessità giugno 2015


Arte e Medicina festival della complessità
museo diffuso Cavallino giugno 2015
duo Micro e Macro:
Giulio Buttazzo Clarino Ennio Brunetta sassofono tenore

Tempo

(Sabato) 0:00 - 0:00

Luogo

Museo Diffuso di Cavallino (Le)

Cavallino (LE)

1mag - 31lug20:00lug 31- 20:00Festival della Complessità 2015fa tappa a Lecce

Dettagli Evento

Conto alla rovescia per il via alla sesta edizione: tra Maggio e Luglio 2015 si svolgeranno centinaia di eventi promossi anche quest’anno dal Festival della complessità diffuso in una ventina di città italiane, dal Piemonte alla Sicilia, dal Friuli alla Puglia. Lecce ospita il festival con tantissime iniziative.

http://www.dedalo97festivaldellacomplessita.it/

Tempo

Maggio 1 (Venerdi) 20:00 - Luglio 31 (Venerdi) 20:00

Luogo

Museo all'Aria Aprrta di Cavallino (Lecce)

Cavallino (Le)

maggio 2015

1mag - 31lug20:00lug 31- 20:00Festival della Complessità 2015fa tappa a Lecce

Dettagli Evento

Conto alla rovescia per il via alla sesta edizione: tra Maggio e Luglio 2015 si svolgeranno centinaia di eventi promossi anche quest’anno dal Festival della complessità diffuso in una ventina di città italiane, dal Piemonte alla Sicilia, dal Friuli alla Puglia. Lecce ospita il festival con tantissime iniziative.

http://www.dedalo97festivaldellacomplessita.it/

Tempo

Maggio 1 (Venerdi) 20:00 - Luglio 31 (Venerdi) 20:00

Luogo

Museo all'Aria Aprrta di Cavallino (Lecce)

Cavallino (Le)

ottobre 2014

6ott0:00- 0:00Ennio Brunetta-performance 2014

Dettagli Evento

Visita a Lecce della commissione per la canditatura di
Lecce Capitale Europea della Cultura – 6 ottobre 2014.


ottobre 2013

settembre 2013

16set0:00- 13:00Arte e Medicina nei Castelli del Salento

Altro

Dettagli Evento

1° raduno nazionale dei Medici e Pazienti Artisti. Conferenza stampa Ordine dei medici di Lecce Arte e Medicina nei Castelli riunisce per la prima volta in Italia i tanti medici-artisti che, insieme agli impegni professionali, sono in grado di coltivare con passione e sensibilità l’arte nelle sue varie manifestazioni (dalla musica alla poesia, alla letteratura, alla fotografia). Accanto ad essi, relatori a vario titolo impegnati nella ricerca scientifica cercano di esplorare i multiformi aspetti collegati al filone di Umanizzazione della medicina. Gli Architetti in Arte collaborano al progetto percorrendo temi ancora sperimentali come quelli legati al design degli spazi in cui la medicina viene quotidianamente esercitata. Per l’incontro si è scelta una formula che alterna relazioni ed interventi musicali o artistici, cercando di dare concretezza, anche in questo aspetto, all’inscindibile unità tra arte e scienza. Nell’ambito del raduno in questione, il 16 settembre 2013 nasce il progetto “Rete Arte e medicina”.


Conferenza stampa presso l’ Ordine dei Medici di Lecce, “Arte e medicina nei Castelli”, settembre 2013.